generale

CARCERI, ALTRI 2 MORTI IN SOLI 4 GIORNI

  Dal 4 all’8 aprile sono morte nelle carceri italiane ben due persone. Un detenuto è deceduto nel carcere di Civitavecchia, mentre un altro è morto nel carcere Pagliarelli di Palermo. Salgono così a 39 le persone detenute morte nei primi 4 mesi del 2014, tra cui ben 11 sono stati i suicidi. 39 detenuti morti in meno di 4 mesi ovvero una media di 10 decessi al mese.

Le 3 falsità sulle carceri dette dal Ministro Orlando a Strasburgo

    Il ministro Andrea Orlando ha incontrato a Strasburgo il segretario generale del Consiglio d’Europa. Obiettivo dell’incontro: la scadenza fissata per il 28 maggio dalla Corte Europea perché l’Italia ponga rimedio al collasso in cui versano le carceri. Ebbene, il ministro Orlando ha prospettato al segretario generale del Consiglio d’Europa una situazione basata su tre falsità. Falsità che riguardano la diminuzione dei detenuti in Italia, le riforme “strutturali” approvate e l’effettiva capienza delle patrie galere. Ecco l’articolo pubblicato su Il Post

DOPO IL VOTO INUTILE DELLA CAMERA, INTERVIENE L’ERUOPA E BACCHETTA L’ITALIA

  Strasburgo, 6 marzo. Le misure prese e considerate dall'Italia per rimediare alle violazioni ingenerate dal sovraffollamento carcerario accertate con l'ormai famosa sentenza Torreggiani sono per ora insufficienti.
Lo ha stabilito oggi il Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa il quale ha anche espresso "preoccupazione" per come il nostro Paese sta affrontando la questione in vista della scadenza fissata per il 27 maggio prossimo. (ANSA)


IL VOTO INUTILE: LA CAMERA APPROVA LA RISOLUZIONE SUL MESSAGGIO DI NAPOLITANO. MA QUALI SARANNO LE CONSEGUENZE? NESSUNA.

   

 Roma, 4 marzo. La Camera ha approvato la relazione della commissione Giustizia sul messaggio del Presidente della Repubblica relativo all’emergenza presente nelle carceri.  Un dibattito e un’approvazione del tutto inutile, visto che non produrrà alcuna conseguenza politica concreta.

AGENTE DELLA POLIZIA PENITENZIARIA SI SPARA NEL CARCERE DI NOVARA

  Novara, 19 febbraio. Mario Ferrara, di 46 anni e assistente capo della polizia penitenziaria si è ucciso con la pistola d’ordinanza nel parcheggio del carcere di Novara, dove faceva servizio. Mario Ferrara, che lascia una moglie e un figlio, era anche vice segretario provinciale del Sappe. Da quanto si è appreso pare che prima di spararsi abbia inviato un sms alla moglie.
Si tratta del primo suicidio di un agente della polizia penitenziaria che si registra nel 2014, ma sono stati già 6 quelli registrati del 2013

IL SENATO APPROVA IL DECRETO SULLE CARCERI. ORA E’ LEGGE, MA C'E’ GIA’ UNA NORMA INCOSTITUZIONALE

  Roma, 19 febbraio. Il Senato ha approvato la conversione in legge del decreto sulle carceri. La decisione è stata adottata con 147 si' e 95 no. I voti contrari sono stati quella della  Lega, del M5s, di Fi e di e Sel. Il decreto sarebbe decaduto il 21 febbraio prossimo. Nel decreto ci sono norme finalizzate a alleggerire il sovraffolamento carcerario, ma vi è anche una norma che introduce una nuova fattispecie per il reato di piccolo spaccio. Norma che però, non distinguendo tra droghe leggere e quelle pesanti, mostra non pochi profili di incostituzionalità alla luce di alcuni effetti che potrebbe portare la decisione della Corte Costituzionale in merito alla legge Fini Giovanardi

DETENUTO SI IMPICCA NEL CARCERE DI VIBO VALENTIA. E’ LA 5^ IMPICCAGGIONE DEL 2014

  Vibo Valentia. Venerdì 7 febbraio Salvatore Manno di 37 anni si impicca nella sua cella del carcere di Vibo Valentia, utilizzando la cintura dei pantaloni. Manno, che avrebbe finito di scontare la sua pena nel 2017, in carcere faceva il portavitto e si è ucciso verso le 9 di mattina appena terminato il suo turno di lavoro. “Un suicidio che nessuno si aspettava”, dicono in carcere, in quanto pare che Manno non avesse mai manifestato segni di depressione, o almeno nessuno è riuscito a intercettarli. Salgono così a 5 i detenuti che si sono tolti la vita nei primi 40 giorni del 2014, per un totale di 15 decessi.

CONTRORDINE! SALTA IL DIBATTITO ALLA CAMERA SUL MESSAGGIO DI NAPOLITANO FISSATO PER DOMANI. Non è ancora noto quando e se si farà.

  Roma, 28 gennaio. Non si terrà più domani, come era previsto, la discussione alla Camera sul messaggio inviato al Parlamento l’8 ottobre dal capo dello Stato. Messaggio incentrato sulla crisi in cui versa la giustizia e le carceri.
Lo ha deciso la riunione dei capigruppo della Camera che ha voluto così dar la precedenza alla discussione sulla conversione del decreto Imu-Bankitalia, fiddando tra l'altro per il 30 gennaio la discussione in aula sulla riforma della legge elettorale.
Insomma si torna in dietro e non è ancora noto quando e se la Camera discuterà sul messaggio inviato dal Presidente Napolitano.

CARCERI: MERCOLEDI' 29 GENNAIO LA CAMERA DISCUTERA' DEL MESSAGGIO INVIATO DAL CAPO DELLO STATO

  Roma, 23 gen. - Mercoledi' 29 gennaio l'Aula della Camera discuterà la relazione della commissione Giustizia sul messaggio relativo al problema delle carceri inviato al Parlamento dal Presidente della Repubblica l'8 ottobre del 2013. Lo ha deciso la capigruppo di Montecitorio. (fonte, AGI)

DETENUTO MUORE A BOLOGNA. ERA CARDIOPATICO

  Nel carcere di Bologna è morto l’ennesimo detenuto. Un decesso che forse si poteva evitare visto che si trattava di una persona malata di cuore. Salgono così a 9 i detenuti morti nei primi 22 giorni del 2014, tra cui ben 4 sono stati i suicidi.